Data

19 - 25 Mag 2024
Expired!

Ora

10:00 - 23:00

Etichette

Eventi adulti,
Evento,
Workshop

SANKAI JUKU Workshop e Performance

>>>>scorri in basso per la versione in ITALIANO<<<<<<

SANKAI JUKU
Workshop What moves the body?
Performance KŌSA – Between Two Mirrors

 

KŌSA – Between Two Mirrors
PERFORMANCE 
– Friday 24th May 9.30 p.m.
– Saturday 25th May 9.30 p.m.


WHAT MOVES THE BODY?

WORKSHOP
– Sunday 19th May from 10 a.m. to 1 p.m. and 3 p.m. to 6 p.m.: workshop open to all audience
– From Monday 20 to Thursday 23 May from 9.30 a.m. to 1 p.m.: intensive workshop

HOMAGE TO USHIO AMAGATSU
PHOTO EXHIBITION
From Sunday 19 to Saturday 25 May

 

 

Friday 24th and Saturday 25th May 9.30 p.m.
KŌSA – Between Two Mirrors

Credits
direction, choreography and design Ushio AMAGATSU
Assistant Director/Stage manager  SEMIMARU
Musics Takashi KAKO, Yas-Kaz, Yoichiro YOSHIKAWA
Dancers Sho TAKEUCHI, Akihito ICHIHARA, Dai MATSUOKA, Norihito ISHII, Taiki IWAMOTO, Maokoto TAKASE
Stage Manager Keiji MORITA
Lighting technician Genta IWAMURA
Sound technician Akira AIKAWA
Assistant to dancers Soutaro ITO
Production Sankai Juku, Tokyo, Japan
Supported by ACA, Agency for Cultural Affairs, Government of Japan in the year 2022
With the help of  Shiseido

Kōsa is a piece created at the special request of theaters and international festivals from Latin America willing to present Sankai Juku in the post Covid pandemic world tour in October/November 2022.
Kōsa is composed of excerpts of pieces from the repertory of Sankai Juku, newly reworked and restaged in order to constitute a work of its own in order to spot the light to the quintessence of art of the choreographies of Ushio AMAGATSU.

Under the current pandemic, I felt it necessary to have an intention of re-thinking the world, looking to the future, while enduring anxiety fueled by uncertainty. Thus, I created “KŌSA -Between Two Mirrors
I chose the sequences and the interpreters, with the strong feeling of evoking what is essential in my works in accordance with the present fragility of our days.
By using no scenery, only pure dance and philosophical visual impressions, I tried to have everyone enter into my universe with as much curiosity and communion as our own when creating those images and emotions.
Ushio AMAGATSU, February 2022

 

 

WORKSHOP
What moves the body? 

– Workshop open to all audience: Sunday 19th May from 10 a.m. to 1 p.m. and 3 p.m. to 6 p.m.
– Intensive workshop: from Monday 20 to Thursday 23 May from 9.30 a.m. to 1 p.m. 

The main objective of the workshop is to observe the connection between spirit and body.
The workshop will focus on relaxation, tension, wave transmission, breathing, gravity, and rhythm. You can imagine that you can move your body consciously when you dance, but can you be conscious of your own body?
It is difficult to be aware of your own body. It appears that improvisational dancers do not build their dances with their thoughts. However, I don’t think it is true that they are not conscious of their bodies. Let’s think about the above by moving your own body.
Is a dancer who is standing still on stage not dancing? It may look like they are standing still, but in fact they are moving. There is a phrase, “not even a step up” which means that the dancer has already begun to move before he/she moves his/her feet. Is it the body that has begun to move? Is it the mind? Or is it you, the observer?
Sometimes we recognize a body in motion even though we are not consciously trying to move it. The situation of “recognizing and observing” a moving body away from one’s awareness is the body prompting awareness. Awakening awareness by moving the body is common in everyday life, so it is natural that it also occurs in dance.
What makes the body move? For the time being, why not move our bodies in a conditioned way and observe them.

 


Ushio Amagatsu & Sankai Juku

SANKAI JUKU was created in 1975 under the direction of Ushio AMAGATSU who belongs to the second generation of Buto dancers; Hijikata and Kazuo Ono being the founders of this dance form.
Buto transcended the reactions of the “post-Hiroshima” generation in Japan, in the sixties, and launched the basis of a radical approach of Japanese contemporary dance.
For Amagatsu, Buto is not merely a new technique or an academic style, but it tends to articulate the body language in order to find, in the depth of each human being, a common sense, a serene universality, even if, sometimes, it refers to cruelty or brutality. But its perception may be different from one individual to an other.
Amagatsu’s personal quest is based on a “Dialogue with Gravity”, which is the title of the book he published in 2001 at Actes Sud Edition.
Before practicing Buto, he followed a training at the “Classic and Modern Dance School” in Tokyo. In 1975, he began a series of workshops in order to find the dancers for his new born company; from the 30 boys and girls at the beginning, only 3 men remain at the end of the one-year workshop. Sankai Juku was then known as a only-men company. Sankai Juku literally means the “workshop of the mountain and sea” in reference to the 2 basic elements of Japan topology.

 

 

Costs:
– Workshop Sunday 19th May (all audience): 80.00 euros
– Workshop Monday 20>Thursday 23 May (intensive):150.00 euros (4 days) / 50.00 euros (1 day)
– Membership: 10.00 euros

– Performance KŌSA – Between Two Mirrors: admission on free and voluntary donation 


– Possibility to have accommodation and food at Spazio Nu. For info write to spazionu@gmail.com

– The workshop will be held in the “Sala piano” of Spazio Nu, a large and bright room of 220 square meters.

Pontedera is 20 km from the International Airport of Pisa”Galileo Galilei” and 57 km from the International Airport of Firenze “Amerigo Vespucci”.
– The Train Station of “Pontedera-Casciana Terme” is well served by the National Railway Network and is also well connected to both the Airports of Pisa and Firenze.
– Spazio Nu is easily reachable from the train station of “Pontedera-Casciana Terme” (15 minutes walk).
– If necessary, possibility of free transfer to and from the train station of “Pontedera-Casciana Terme”.

– For those coming from far away: if you need to arrive in Pontedera in the days before the workshop starts or to leave a few days after the end of the workshop, we will be happy to host you or to help you find an accommodation in the surrounding area. Contact us and we will help you organize your trip!

 


Information and registration:

spazionu@gmail.com / 0587.54634
Whatsapp: 3516994308 / Telegram: Spazio Nu
www.spazionu.com
IMPORTANT: limited places, registration subject to availability.

© Photo: Sankai Juku

>>>>versione in ITALIANO<<<<<<

SANKAI JUKU
Workshop What moves the body?
SpettacoloKŌSA – Between Two Mirrors

 

KŌSA – Between Two Mirrors
PERFORMANCE 
– Venerdì 24 Maggio ore 21.30
– Sabato 25 Maggio ore 21.30

 

WHAT MOVES THE BODY?
WORKSHOP
– Domenica 19 Maggio dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.00: workshop aperto a tutte/i
– Da Lunedì 20 a Giovedì 23 Maggio dalle ore 9.30 alle 13.00: workshop per danzatrici e danzatori professioniste/i

 

OMAGGIO AD USHIO AMAGATSU
MOSTRA FOTOGRAFICA
Da Domenica 19 a Sabato 25 Maggio

 

Venerdì 24 e Sabato 25 Maggio ore 21.30
KŌSA – Between Two Mirrors

 Crediti
Regia, coreografia e ideazione Ushio AMAGATSU
Assistente alla regia/Direttore di scena SEMIMARU
Musiche Takashi KAKO, Yas-Kaz, Yoichiro YOSHIKAWA
Danzatori Sho TAKEUCHI, Akihito ICHIHARA, Dai MATSUOKA, Norihito ISHII, Taiki IWAMOTO, Maokoto TAKASE
Direttore di scena Keiji MORITA
Tecnico luci Genta IWAMURA
Tecnico del suono Akira AIKAWA
Assistente danzatori Soutaro ITO
Produzione Sankai Juku, Tokyo, Giappone
Con il sostegno da ACA, Agenzia per gli Affari Culturali, Governo del Giappone nell’anno 2022
Con il contributo di Shiseido

Kōsa è uno spettacolo creato su richiesta speciale dei teatri e dei festival internazionali dell’America Latina, che volevano presentare Sankai Juku in un tour mondiale dopo la pandemia  nell’ottobre/novembre del 2022.
Kōsa è composto da estratti di brani del repertorio di Sankai Juku, rielaborati e rimessi in scena per costituire un’opera a sé, al fine di mettere in luce la quintessenza dell’arte delle coreografie di Ushio AMAGATSU.

Nell’attuale situazione di pandemia, ho ritenuto necessario avere la prospettiva di ripensare il mondo, guardando al futuro, per alleviare l’ansia alimentata dall’incertezza. Così, ho creato “KŌSA – Tra due specchi”.
Ho scelto le sequenze e gli interpreti con il forte desiderio di evocare ciò che è indispensabile/essenziale nelle mie opere, in sintonia con l’attuale fragilità dei nostri giorni.
Senza l’uso di scenografie, ma solo pura danza e suggestioni visive filosofiche, ho cercato di far entrare tutti nel mio universo con la stessa curiosità e sintonia che c’è tra di noi quando creiamo quelle immagini ed emozioni.
Ushio AMAGATSU, febbraio 2022

 

WORKSHOP
What moves the body? 

– Workshop aperto a tutte/i: Domenica 19 Maggio dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.00
– Workshop per danzatori e danzatrici professioniste/i: da Lunedì 20 a Giovedì 23 Maggio dalle 9.30 alle 13.00  

L’obiettivo principale del workshop è osservare la connessione tra spirito e corpo.
Il workshop si concentrerà su rilassamento, tensione, trasmissione delle onde, respirazione, gravità e ritmo.

Si può muovere il corpo in modo consapevole quando si danza, ma si può essere consapevoli del proprio corpo?
È difficile essere consapevoli del proprio corpo.
Sembra che i danzatori che improvvisano non costruiscano le loro danze con il pensiero. Tuttavia, non credo sia vero che non siano consapevoli del proprio corpo. Riflettiamo su quanto detto sopra muovendo il nostro corpo.

Un ballerino che sta fermo sul palco non sta ballando? Può sembrare che sia fermo, ma in realtà si muove. C’è un’espressione, “not even a step up”, che significa che il ballerino ha già iniziato a muoversi prima di muovere i piedi. È il corpo che ha iniziato a muoversi? È la mente? O siete voi, l’osservatore?
A volte riconosciamo un corpo in movimento anche se non stiamo cercando consapevolmente di muoverlo. La situazione di “riconoscere e osservare” un corpo in movimento lontano dalla propria consapevolezza è il corpo che sollecita la consapevolezza. Il risveglio della consapevolezza attraverso il movimento del corpo è comune nella vita di tutti i giorni, quindi è naturale che si verifichi anche nella danza.
Cosa fa muovere il corpo? Per il momento, perché non muovere il corpo in modo condizionato e osservarlo?

 

Ushio Amagatsu & Sankai Juku

SANKAI JUKU è un gruppo nato nel 1975 sotto la direzione di Ushio AMAGATSU, che appartiene alla seconda generazione di danzatori di Butoh (Hijikata e Kazuo Ono sono stati i fondatori di questa forma di danza).
Il Butoh nel Giappone “post-Hiroshima” degli anni Sessanta ha gettato le basi di un approccio radicale nella danza contemporanea giapponese.
Per Amagatsu, il Butoh non è semplicemente una “nuova tecnica” o uno stile accademico, ma cerca di armonizzare il linguaggio del corpo per trovare, nella profondità di ogni essere umano, un senso comune, una serena universalità, anche se, a volte, si riferisce alla crudeltà o alla brutalità.
Ma la sua percezione può essere diversa da un individuo all’altro.
La ricerca personale di Amagatsu si basa su un “Dialogo con la gravità”, che è il titolo del libro che ha pubblicato nel 2001 presso Actes Sud Edition.
Prima di praticare il Butoh, ha seguito una formazione presso la “Classic and Modern Dance School” di Tokyo.
Nel 1975 inizia una serie di workshop per trovare i danzatori per la sua nuova compagnia; dei 30 ragazzi e ragazze dell’inizio, alla fine del workshop di un anno rimangono solo 3 uomini. La Sankai Juku era allora conosciuta come una compagnia di soli uomini. Sankai Juku significa letteralmente “laboratorio della montagna e del mare”, in riferimento ai due elementi fondamentali della topologia del Giappone.
Già nel 1975, i Sankai Juku iniziarono a esibirsi in Giappone in piccoli teatri d’avanguardia.
La prima grande produzione del gruppo fu KINKAN SHONEN nel 1978. Questa produzione ha rivelato la nuova direzione artistica intrapresa da Amagatsu, che ha dato al Butoh un’immagine più chiara e lineare, ma anche più narrativa.
La forza di ogni singola espressione, di ogni movimento, di ogni emozione interiore si nutre dalle origini del mondo per rivelare una comprensione intensa della vita, della morte e dell’universalità.
Nel 1980, SANKAI JUKU viene invitato per la prima volta in Europa, al Festival di Nancy. Da allora, il gruppo ha effettuato tournée in più di 50 Paesi in tutta Europa, Sud America, Stati Uniti e Australia e in tutta l’Asia, partendo dalla sua base di Tokyo.
Al di fuori della sua compagnia, AMAGATSU ha creato nel 1988 con cinque danzatori occidentali un pezzo chiamato “Fifth”. Ha messo in scena la creazione mondiale dell’opera “Trois Soeurs” di Peter Eotvos all’Opéra de Lyon (1998) e a Parigi (Théâtre du Chatelet), Bruxelles (Théâtre de la Monnaie) e Vienne (Wiener Festwochen). Ha inoltre messo in scena l’ultima produzione operistica “Lady Sarashina”, sempre di Peter Eotvos, all’Opéra de Lyon e all’Opéra Comique di Parigi. Amagatsu ha coreografato un pezzo da solista per la danzatrice indiana Shantala Shivalingappa.

 

 

Costi:
– Workshop Domenica 19 Maggio (aperto a tutte/i): 80.00 euro
– Workshop Lunedì 20>Giovedì 23 Maggio (per professioniste/i): 150.00 euro (4 giorni) / 50.00 euro (1 giorno)
– Iscrizione ridotta attività Spazio Nu: 10,00 euro

– Spettacolo KŌSA – Between Two Mirrors: ingresso su donazione libera e consapevole 


– Possibilità di vitto e alloggio allo Spazio Nu. Per info: spazionu@gmail.com 

– Il workshop si terrà in “Sala piano”, una delle ampie (220 mq) e luminose sale dello Spazio Nu 

– Pontedera si trova a 20 km dall’Aeroporto Internazionale di Pisa ”Galileo Galilei” e a  57 km dall’Aeroporto Internazionale di Firenze “Amerigo Vespucci”.
– La stazione dei treni (fermata “Pontedera-Casciana Terme”) è ben servita dal Servizio Ferroviario Regionale e ben collegata con entrambi gli aereoporti internazionali di Pisa e Firenze.
– Lo Spazio Nu è facilmente raggiungibile dalla fermata dei treni “Pontedera-Casciana Terme” (15 minuti a piedi).

– Per coloro che arrivano da lontano: se hai bisogno di arrivare a Pobtedera nei giorni prima che il workshop inizi o partire qualche giorno dopo la fine delle attività, saremo felici di ospitarti o di aiutarti a trovare un alloggio in zona. Contattaci e ti aiuteremo ad organizzare il tuo viaggio!


Informazioni, iscrizioni e prenotazioni: 

spazionu@gmail.com / 0587.54634
Whatsapp: 3516994308 / Telegram: Spazio Nu
www.spazionu.com
IMPORTANTE: posti limitati e su prenotazione. Iscrizioni al workshop e prenotazioni allo spettacolo soggette a disponibilità.

© Photo: Sankai Juku

Schedula per Ore

New Day

Shopping cart0
There are no products in the cart!
Continua a fare acquisti
0

Fatal error: Uncaught wfWAFStorageFileException: Unable to verify temporary file contents for atomic writing. in /var/www/clients/client0/web20/web/wp-content/plugins/wordfence/vendor/wordfence/wf-waf/src/lib/storage/file.php:51 Stack trace: #0 /var/www/clients/client0/web20/web/wp-content/plugins/wordfence/vendor/wordfence/wf-waf/src/lib/storage/file.php(658): wfWAFStorageFile::atomicFilePutContents() #1 [internal function]: wfWAFStorageFile->saveConfig() #2 {main} thrown in /var/www/clients/client0/web20/web/wp-content/plugins/wordfence/vendor/wordfence/wf-waf/src/lib/storage/file.php on line 51