WORKSHOP INTENSIVO DI CONTACT IMPROVISATION CON NITA LITTLE
4-5-6-7-8 Luglio 2015, Pontedera

La Pratica dell’approfondimento: azioni creative della mente fisica
Attraverso i suoi principi fondamentali più profondi, quelli che collegano la fisica alla pratica, la Contact Improvisation mi ha insegnato l’immediatezza e la partecipazione a più tipi di intelligenza fisica, che consentono di muoversi insieme in un flusso organico e creativo.
Questo workshop integra 40 anni di indagine intorno alla fisicità del corpo-mente e riguardo la nostra capacità di condividere il pensiero fisico nella ContactImprovisation. L’obiettivo del lavoro è di valorizzare le potenzialità di movimento e il rapporto nella Contact Improvisation, indagando i dettagli di attuazione attraverso pratiche meditative, creative e sulla presenza nella performance. Formare attente abilità fisiche migliora l’accesso a diverse intelligenze per trovare una danza ecologica. Cerchiamo flessibilità tra i diversi stati e metodi creativi. Comprendere l’uso efficace di diversi tipi di conoscenza aumenta reattività e comunicazione, migliora i processi decisionali, e consente di liberare i nostri campi creativi. Questo workshop porta la mente-corpo alla realizzazione di un solo attraverso danze d’insieme che richiedono una fisicità somatica ampliata, la fiducia costruita su azioni di comunicazione dei diversi ordini, e un’auto percezione ecologicamente impegnata. Imparerete la ContactImprovisation con una lingua unica basata su paradigmi che offrono nuovi modi per esplorare la realizzazione della danza. Considerando l’impegno tecnico e creativo, questo lavoro è rivolto danzatori di contact che si sentono pronti ad assumere di più.

Orari
sabato 4 Luglio dalle ore 15 alle 21
domenica 5 Luglio dalle ore 9 alle 16
lunedì 6 Luglio dalle ore 9 alle 16
martedì 7 Luglio dalle 9 alle 16
mercoledì 8 dalle 9 alle 16

per informazioni su costi e modalità d’iscrizione
mail to: info@spazionu.com

Nita Little bio
A partire dai primi giorni in cui prende vita la Contact Improvisation, Nita Little continua come ricercatrice di danza e coreografa che ha investito nella scoperta di nuovi modi per conoscere la danza e per estendere i parametri creativi di esperienza incarnata nel movimento. Il suo lavoro la porta ad insegnare e danzare in tutto il mondo. Ha partecipato alla nascita e allo sviluppo della ContactImprovisation con Steve Paxton e altri nel 1972, punto d’inizio delle sue indagini sulla mente incarnata nella fisica del movimento, sull’azione creativa, e sulla presenza nella performance. Nita sta completando il suo dottorato in Performance Studies presso l’Università di California a Davis e sta preparando la pubblicazione del suo lavoro. Riguardo la danza come strumento per un maggiore impegno ecologico sta sviluppando una metodologia di movimento che allena la mente-corpo attraverso la fisicità delle pratiche di attenzione . Il suo lavoro accademico sul mindbody è sempre disponibile attraverso il suo blog, peripheral-intelligence.com. Attualmente sta lavorando a un film di danza che scandisce visivamente questo materiale.


INTENSIVE WORKSHOP OF CONTACT IMPROVISATION WITH NITA LITTLE
4-5-6-7-8 JULY 2015, PONTEDERA

Deepening Practice: Creative actions of the Physical Mind
Through its deepest core principles, those that connect physics to practice, CI has taught me about immediacy and attending to multiple kinds of physical intelligence that allow juicy moments of moving together. This workshop integrates 40 years of dance investigation into the physicality of the mindbody and our ability to share physical thought in CI. Its purpose is to enhance movement potentials and rapport in CI while also investigating the details of embodiment – the meditative, creative and performance practices of presencing. Training attentional skills physically enhances access to multiple intelligences so that dancing is ecological. We seek flexibility between different states and creative methods. Understanding the effective use of different kinds of knowing increases responsivity and communication, improves decision-making, and frees up our creative fields. This workshop brings the embodied mind into the making of solo thru ensemble dances that require expanded somatic physicality, trust built upon actions of communication of different orders, and self-sensing that is ecologically engaged. You will learn CI with a unique language based in paradigms that offer new ways to explore the making of dance. Always technically and creatively considered, this work is for strong Contact Improv dancers who feel they are ready to take on more.

Workshop scheduale:

saturday 4 from 3pm to 9pm
sunday 5 from 9 pm to 4pm
monday 6 from 9 pm to 4pm
tuesday 7 from 9 pm to 4pm
wensday 8 from 9 pm to 4pm

for information about costs and enrollment please mail to
info@spazionu.com

Nita Little Bio
Beginning from the earliest days of Contact Improvisation, Nita Little continues as a dance researcher and choreographer who has been invested in discovering new ways to know dance and to extend the creative parameters of embodied experience in motion. Her work takes her touring and teaching worldwide. She participated in the emergence and development of CI with Steve Paxton and others in 1972 which is when her inquiry into the embodied mind in the physics of motion, creative action, and the performance of presence began. She is completing her PhD in Performance Studies at the University of California at Davis as a preparation to publish work about these investigations. Concerned with dance as a means to greater ecological engagement she is developing a movement methodology that trains the mindbody through the physicality of attentional practices while writing her dissertation. Her academic work on the mindbody is becoming available through her blog, peripheral-intelligence.com. She is currently working on a dance film that visually articulates this material.