Iniziazione al Kathakali

Forma e ritmo dell’emozione

«Tout art dans sa plénitude, a pour base une série de conventions: en tant qu’il veut exprimer quelque chose. La convention est la condition du grand art, elle n’en est pas l’obstacle.»  F. Nietzsche

Il Kathakali, teatro classico stilizzato, compare sotto la forma attuale nel Kerala (India del sud) a metà del XVII secolo.

Le sue radici affondano nelle arti marziali come il Kalaripayat, e nelle altre forme di teatro religioso più antiche, quali il Kutiyattam, il Krishnanattam e la musica del Kerala.

A partire dalle tecniche di una forma teatrale classica e codificata, approcceremo la nozione di «stile».

Alla radice della parola «stile», troviamo l’oggetto «stile», un utensile con cui scrivere. Il gioco stilizzato è un gioco che si scrive: ogni gesto drammatico è un segno latore di un senso, di un’emozione, di una sensazione, di un immaginario e di una memoria. Fino a portare la testimonianza di un’identità.

Lo Stage si divide in 3 parti:

I. Training base di Kathakali

  • Riscaldamento coreografico
  • Postura
  • Passi

II. Il Kathakali

  • Espressione stilizzata del viso e delle mani
  • Ritmo
  • Studio di una scena dialogata e danzata

III. Sviluppo intorno al gioco dell’attore

  • Improvvisazione: ritmo ed emozione
  • Come affrontare una situazione o un testo drammatico in rapporto a un’azione e a un ritmo:  proiettare una sensibilità attraverso la costruzione di segni fisici e dinamici

Asse di ricerca :

  • Nascita dell’emozione attraverso un ritmo e una forma data.
  • Passaggio dalla sensibilità pura a un linguaggio fisico, che affermi ritmo e forma.
  • Scoprire le applicazioni pratiche e concrete al servizio del gioco dell’attore contemporaneo.

Agli stagisti è richiesto :

  • Di venire in tenuta sportiva o di danza
  • Di imparare un monologo a loro scelta (preferibilmente teatrale).

Sabato 13 e Domenica 14 Marzo 2010

Malik Rumeau

E’ diplomato all’Ecole Internationale de Théâtre J. Lecoq e all’Accademia Nazionale delle Arti dell’India del Sud.

Tra il 2000 e il 2004 dirige numerosi stage sul movimento all’ Accademia di Musica di Trissur e alla Scuola Nazionale d’Arte Drammatica di New Delhi e partecipa come interprete agli spettacoli: Subadra Haranam (nel ruolo di Krishna) e Kalyani Saughandikam (nel ruolo di Pançali) al Teatro dell’ Accademia Nazionale delle Arti del Kerala.

Dal 2002, collabora con Alain Ollivier al Centre Dramatique National de St Denis, come attore e coreografo in vari spettacoli tra cui: L’eccezione e la regola di B. Brecht, La guerra dei 2000 anni de Kateb Yacine, Les Félins m’aiment bien de O. Rosenthal. Dal 2007 al 2009, è attore e assistente alla regia per Le Cid de P. Corneille, tournée internazionale.