Mamma, le tue coccole mi fanno bene. L’importanza degli stimoli genitoriali per i figli a sviluppo speciale
Relatrice: Dott. Nu Burg, asperger
organizzato da Autismo onlus e spazio NU
partecipazione libera e gratuita
sabato e domenica dalle 15.00 alle19.00
Attività per i bambini di musica, arrampicata, danza e giochi nelle sale adiacenti.
Domenica dalle 9:30 alle 13 incontro informale con Nu Burg

  • Genitorialità: L’incontro vuole essere l’occasione per poter dare il via ad un personale processo di consapevolezza genitoriale sulla vitale importanza che riveste la “coccola” all’interno dei processi di maturazione e integrazione sensoriale e quindi delle prassie, dell’intellettivo e comportamentale, al raggiungimento della integrazione relazionale ed infine sociale, così da riuscire a cogliere la strettissima interconnessione ontogenetica di queste abilità. Oltre alla smisurata valenza affettiva, la coccola quotidiana e ripetuta (carezze, strette, pressioni, solletico, massaggio, buffetti, pizzicottini, grattini…) stimola nel bambino la formazione permanente della mappatura cerebrale dei confini di tutto il suo corpo, punto per punto, sia rispetto a se stesso che rispetto all’ambiente. Questa mappatura è fondamentale per acquisire la naturale ed automatica padronanza dei movimenti che servono per camminare, afferrare e lasciare andare, respirare, parlare e infine per stare fermi e tranquilli in modo sereno e rilassato. I progressi scientifici e tecnologici che in questo secolo hanno interamente rivoluzionato, e per molti versi migliorato la nostra vita quotidiana, in qualche piccola o grande maniera possono avere avuto, in modo singolare specifico ed imprevedibile, un effetto incidentale e disorganizzante per lo sviluppo di un individuo in fase di fioritura. E’ per questo che oggi più che mai si impone questo processo di consapevolezza genitoriale sulle leggi che regolano lo sviluppo umano, proprio per conoscere ed modulare alcune pratiche frutto delle invenzioni umane, per renderle inoffensive. Leggi che non possono essere (solo) insegnate o apprese all’interno di un percorso di studi poiché la loro conoscenza accade in modo esperienziale, quando ci si muove meditativamente nello svolgimento della vita quotidiana, laddove a questo punto, anche gli apprendimenti intellettivi e culturali, se sono in linea con le leggi della natura, disveleranno la loro veridicità proprio nel trovarsi in armonia con ordine naturale delle cose e sapranno indicarci una via di azione certa e un principio di intervento (questo è ciò che grosso modo possiamo chiamare processo di consapevolezza). Questo seminario pertanto, in realtà è rivolto a tutti: sia che siamo genitori di figli ben funzionanti o che abbiano una qualche diagnosi, sia che siamo ragazze in crescita, nonne, zie, fidanzate, giovani spose, futuri padri o persone che sanno in cuor loro di avere uno sviluppo sghembo e completabile. Durante l’ incontro approfondiremo queste tematiche ed attueremo delle semplici e naturali pratiche di sviluppo cosi che possiate portare con voi qualcosa di naturale e genitoriale da fare con i vostri figli, soprattutto con quelli a sviluppo speciale
  • Il gruppo: “La tentazione, quando ci apriamo all’apprendimento per sviluppare consapevolezza, è quella di cadere in mano alle “idee” alle “teorie” alle “ideologie”. Qui non trattiamo la “natura” contro la “cultura” . Assolutamente: qui non siamo per fare una ideologia naturale intorno all’autismo. NO! Siamo qui solo per passarci informazioni pratiche su prassi rispettose dello sviluppo. Questa finalità va compresa molto molto in profondità, altrimenti questo gruppo è inutile…” (Nuni) “Questo è il nostro gruppo su FB: “Autistici Naturali”. Cercaci. Siamo un gruppo spontaneo, siamo semplici genitori e ci aiutiamo con l’esempio pratico. Stiamo assieme per l’affetto verso i nostri bambini, per aiutarci in grande semplicità.” Autistici naturali sboccia da un motivo serissimo e importantissimo: non appena nasce un figlio e si scopre il suo autismo, viene introdotto in una specie di macchina infernale, una giostra di terapie, stanze, strategie, gli vengono applicati protocolli, viene sottoposto a procedure comportamentali, farmacologiche, viene vivisezionato nei modi, nell’anima, spesso trattato a quarti di bue… Cosa resta della parte piu’ importante in assoluto, piu’ sacra e naturale in assoluto: la genitorialità e i naturali stimoli di sviluppo che ogni genitore su questa terra riversa a profusione e con amorevolezza sui figli fino a renderli abili adulti ed autonomi? Questo punto è il “grande dimenticato”. L’averlo dimenticato rappresenta il fallimento di ogni terapia al di là che sia valida o meno, scientifica o meno…. In tanti anni io ho visto una differenza abissale tra le famiglie che per educazione, per inclinazione o per semplice fortuna non hanno abbandonato questa modalità naturale… e quelli che sono stati fagocitati, loro malgrado, in questo meccanismo infernale della artificiosità nel trattare l’autismo. Questa mia affermazione non è in nessuna maniera contro nessuna terapia, ma è assolutamente contro qualunque percorso iniziato senza la profonda consapevolezza che noi genitori siamo la chiave dei nostri figli e che tutto il resto deve essere “strumento” e non “protagonista” nel dispiegarsi della vita dei nostri figli. E che dobbiamo saperlo, quanto molto possiamo fare gia’ noi, in modo fisiologicamente naturale, per farli crescere e sviluppare, esattamente come facciamo per qualunque figlio: alle terapie va il compito specifico e solo se strettamente necessario… ma lo sviluppo è in mano nostra: affetto, sana alimentazione, movimento, vita all’aperto, regole di sana educazione, costruzione di un microcosmo sociale accogliente… infondo è tutto qui. Tuttavia le parole non bastano, serve farne consapevolezza profonda. Allora ecco i seminari, ecco il gruppo, tutto gratuito… tra genitori ci si aiuta , se paghi ottieni una merce… ma lo sviluppo è vivo! E’ vita… si fa solo per amore. Nu Burg
  • Nu Burg: Nuni Burgio si occupa di Autismo da quando, nel 2006 è stato possibile individuare nell’Asperger i tratti caratteristici della sua specificità. Madre, moglie, architetto, ha ripreso attraverso stimoli naturali il proprio sviluppo personale e parallelamente ha iniziato studi e ricerche nel campo, con particolare riguardo ai processi spontanei di integrazione dei riflessi di sviluppo, di integrazione sensoriale ed interemisferica, dello svolgimento ordinato e spontaneo degli schemi motori per una crescita armoniosa, individuando come la conoscenza consapevole di questi processi spontanei, possa fornire ad ogni genitore la chiave di lettura della crescita del proprio figlio a prescindere che sia un figlio a sviluppo spontaneo o a sviluppo che necessita di maggiore sostegno e cura genitoriale consapevole. Ha approfondito molti aspetti che riguardano la buona funzionalità naturale di un individuo e ha individuato la natura come il libro maestro da cui leggere, attraverso un processo di consapevolezza, tutte le indicazioni necessarie per recuperare l’antico e fisiologico compito genitoriale per eccellenza: modulare, coordinare, tutelare salvaguardare e promuovere i fisiologici processi di sviluppo della prole, sia quando lo sviluppo procede spedito, sia quando degli eventi accidentali pre-nascita o post-nascita ne determinano, in modo imprevedibile l’arresto, il rallentamento o la disorganizzazione. Cosciente che questo sapere non può essere inquadrato all’interno di una professione e che solo la famiglia può assicurare lo svolgimento filogenetico e ontogenetico di questo continuo e costante compito quotidiano, (anche laddove si renda necessario avvalersi di ausili esterni: cure, terapie, tecnologie, discipline fisiche culturali e sociali), decide di rivolgersi direttamente alle madri e ai padri per affiancarli, come madre, in questo processo di Alfabetizzazione al Linguaggio dello Sviluppo Umano. Nuni si rende quindi disponibile in modo gratuito a relazionare seminari generici o tematici e ad avviare le madri e i padri ad una consapevolizzazione di coccole e movimento fisico e a rivedere le abitudini di vita in chiave fisiologicamente sviluppativa, da genitore a genitore, mai sustitutive di terapie e cure mediche, laddove necessarie.

Email: nuni@iol.it Cell: 366.2986588
Sito web: www.nuburg.it – Canale youtube : Nu burg Facebook Nu Burg Gruppo di riferimento su FB “Autistici Naturali