Laboratorio di Tap Dance Americana

con Andrea Mugnai in arte Ernesto Tacco

27 Aprile 2013

Quel poco di tap dance che conosciamo in Italia é quella usata dallo show business nei film Hollywoodiani e nei musical di Broadway, ma questa é solo la punta dell’iceberg di un’arte insolita, originale, piacevole a vedere ed ascoltare, e divertente a praticarsi, inventata e sviluppatasi negli USA dall’inizio del ‘900 per poi diffondersi in Europa e oltre.

La tap dance, street dance per nascita, sulla cui origine ancora oggi si discute, é un fenomeno culturale assolutamente americano, che fonde in una forma nuovissima le influenze culturali più diverse, dalla complessa sincopazione tipica delle percussioni africane alla danza degli zoccoli irlandese.

Le tecniche insegnate da Andrea Mugnai, in arte Ernesto Tacco, sono frutto dei contatti diretti avuti negli anni con vari maestri della east e della west coast americana, e con altri ancora di formazione europea: un ricchissimo mondo fatto di personaggi di tutte le taglie, età, sesso e colore della pelle, che é riduttivo chiamare semplicemente ballerini, o musicisti, o improvvisatori, perché sono tutto questo insieme, e magari anche attori, cantanti e acrobati. Quello che dà loro una caratteristica comune, nonostante tante differenti peculiarità, é la loro identità di hoofers (da hoof, lett. zoccolo), gente che muove i piedi istintivamente non appena sente una musica che contenga anche una vaga traccia di swing; persone che hanno un ottimo senso del ritmo nella loro stessa anima. Una comunità vivace e ricca, che esiste al di là e nonostante lo show business, che inventa, si ruba, reinventa e si tramanda i passi dai tempi di Bill Robinson a quelli di Fred Astaire e Gene Kelly, da Gregory Hines fino all’ultima generazione di Savion Glover… e oltre.

Il laboratorio di Tap Dance Americana é aperto a tutti senza limiti d’età: gli esercizi di riscaldamento e quelli iniziali mirano a sviluppare agilità, coordinazione, precisione nel tenere il tempo e spostare il peso, concentrazione sul lavoro molto specifico degli arti inferiori.  Altri ancora aiutano a conservare scioltezza e leggerezza di tutto il corpo in movimento. E fin dall’inizio ogni lezione prevede uno spazio dedicato al lavoro di improvvisazione individuale all’interno del cerchio ritmico collettivo.

Nota tecnica: chi non avesse già scarpe “ferrate” per iniziare, é sufficiente che frughi tra le proprie scarpe di cuoio e porti qualcosa di comodo e ben calzante, possibilmente allacciate con stringhe e con tacchi femminili alti non oltre 4 / 5 cm (con suola e tacco di cuoio, ben puliti con panno e acetone).

Orario laboratorio: livello unico

Sabato dalle 15.00 alle 18.30 (con all’interno una pausa di mezz’ora)

Ernesto Tacco alias Andrea Mugnai
Attore d’esperienza, eclettico per natura, col nome d’arte di Ernesto Tacco si definisce da 30 anni portatore sano del morbo della tap dance americana, di cui è maestro e che ha studiato nello stile del rhythm tap e del black american rhythm, diventando un forte improvvisatore. Ha avuto come maestri diretti Basil Pattison, Victor Cunò, Babs Rifkin, Lynn Dally, SamWeber, Tony Ventura, Bob Scheerer, Rusty Frank, Guillem Alonso, e come modelli di stile Gregory Hines, Honey Coles, Leonard Reed.
Ha avuto la fortuna di conoscere personalmente i Nicholas Brothers, Eddie Brown, Jimmy Slide, Steve Condos, Savion Glover. Ha collaborato coi jazzisti Franco Nesti, Alessandro Fabbri, Lullo Mosso, Pippo Pedol, Roy Paci, Leo Boni, Ettore Bonafè, Riccardo Galardini, Swing 39 Trio.
Ha prodotto gli spettacoli musicali: Tacco Bello Express, La Vera Storia di Ernesto Tacco, Tipi da Tap, Tacco Mosso, Vento in Poppa e Ritmo nei Piedi.

ernestotacco@alice.it


Per info e prenotazioni:

058754634; 3491371631; 3290908119

info@spazionu.com