CORPO COMICO CREATIVO – Quinta edizione-
workshop residenziale sulle arti del circo, del teatro e della strada

Uno studio per l’attore, l’interprete e l’essere umano, intorno alle arti del circo, del teatro e della strada.

insegnanti:
Alessio Targioni – Clown
Peter Weyel – Arte di strada
Loretta Morrone – Tessuto Aereo e Trapezio
Urana Marchesini – Acrobatica

Il laboratorio residenziale si rivolge ad attori, artisti di strada, danzatori, giocolieri, acrobati, musicisti, operatori sociali e a tutti coloro che sono interessati ad ampliare le proprie possibilità espressive nell’ambito dello spettacolo ed a sperimentare un reale rapporto con il pubblico basato sul ‘qui e ora’. Il laboratorio propone inoltre la ricerca e l’approfondimento, attraverso discipline quali l’acrobatica, il verticalismo, la giocoleria, il tessuto aereo, il trapezio e il clown, di una ‘comicità visiva’ che dia modo all’interprete di confrontarsi con un teatro di creazione.

Il percorso prevede al suo interno due momenti performativi degli allievi: un’uscita in strada e una soirée presso lo Spazio NU.

Il laboratorio è residenziale e si svolgerà nelle tre sale dello Spazio NU (700 mq). Al termine della giornata di lavoro la sala palestra (240 mq) resterà a disposizione dei partecipanti che intendono continuare il lavoro di creazione.

Per ulteriori informazioni al riguardo contattare lo Spazio NU.

L’organizzazione mette a disposizione dei partecipanti un piccolo guardaroba e alcuni attrezzi per la giocoleria, ma scarpe, cappelli e indumenti di vario genere per il costume del clown e attrezzi per la giocoleria devono comunque essere portati dai partecipanti.

Per la partecipazione non sono richieste specifiche esperienze in nessuna delle discipline proposte ma è necessario inviare un c.v. o una breve lettera di motivazione all’e-mail: spazionu@gmail.com.

IL CLOWN

Il clown non è una tecnica è uno stato fisico, un approccio alla vita scenica che si basa sulla sensibilità infantile che ognuno di noi ha.
Il clown non è codificabile: non cammina in un certo modo, non piange in un altro e non è un “personaggio comico”.
Non si fa il clown lo si è!
Accettarlo significa concedersi la libertà di essere “se stessi” e senza pudore farne ridere gli altri mostrandosi per quello che realmente siamo: impreparati esseri umani.
Lavorare sul clown equivale a compiere un viaggio alla ricerca di quel personalissimo “modo”, che ognuno di noi ha, di essere comico, poetico, sensibilmente virtuoso.
TEMATICHE DI STUDIO

  • Sensibilità e stato psico-fisico del clown (la solitudine e il solo).
  • Relazioni di coppia (il duo) e gerarchie di gruppo (il coro).
  • Il delirio comico del corpo.
  • La bagarre e lo slapstick (schiaffi, calci e cadute).
  • Il mimo e la pantomima.
  • Il clown nella vita quotidiana (gli oggetti).
  • Poetiche possibili e impossibili.

Alessio Targioni attore, clown e pedagogo, comincia a studiare teatro nel 1992 e per un triennio lavora al metodo delle azioni fisiche di K.S.Stanislawskij. Dopo varie esperienze professionali nel 1995 comincia a interessarsi alla Commedia dell’Arte e al teatro fisico, percorso che lo porta ad essere allievo di Jacques Lecoq all’Ecole Internationale de Théatre di Parigi, dove consegue il diploma nel 1999. Dal 1994 ad oggi ha lavorato in molti spettacoli di teatro, teatro danza e di strada come attore e regista. Ha esperienze in varie discipline e sport tra cui yoga, ki-aikido, capoeira, acrobatica e danza. Dal 1999 insegna teatro, mimo, clown e uso delle maschere in tutta Italia e dal 2005 collabora con lo Spazio Nu di Pontedera dove porta avanti una ricerca sul teatro-fisico che miscela clown, danza e teatro.

GIOCOLERIA e TEATRO DI STRADA

Il lavoro, oltre che alle questioni tecniche (giocoleria e abilità varie), porrà particolare attenzione alle questioni legate alla rappresentazione in generale e all’arte di strada in particolare e cercherà di chiarire quale sia o possa essere il rapporto tra l’artista e il pubblico della strada.

TEMATICHE DI STUDIO

  • Riscaldameto e scomposizione del corpo.
  • Giocoleria (clave, palline, devilstick, scatole).
  • Rimanere in contatto con se stessi, allenando una tecnica con il metodo Alexander.
  • Inibizione e direzione.
  • Contattare il pubblico restando in contatto con se stessi.
  • Presentare un’abilitá, con la figura del clown davanti ad un pubblico.
  • Il cerchio.

Peter Weyel ha fatto il suo primo spettacolo in strada nel 1985 e dopo svariate collaborazioni con diverse compagnie, partecipa nel 1990 con la compagnia Amnesia a uno spettacolo di nouveaux cirque a Bruxelles.
Dal 1992 al 1997 è membro del comedy trio “Fatal Banal”, dal 1997 al 1999 lavora come artista in un circo svizzero e dal 2000 a oggi ha partecipato a tantissimi festival d’arte di strada in tutta Europa.
Dal 2001 tiene stage sul come creare spettacoli di strada.
Nel 2008 inizia la formazione per diventare insegnante del metodo Alexander, un lavoro sulla conoscenza del proprio corpo e sul come sia possibile modificarne il suo uso con il pensiero, questo metodo lo ha influenzato molto nel lavoro e assume una grande importanza nel suo insegnamento.
Nel 2010 ha creato il suo spettacolo teatrale “Regalare gioia”.
Già insegnante del “Corpo Comico Creativo” 2011

TESSUTO AEREO e TRAPEZIO
Il lavoro si articolerà partendo dall’elemento Terra come luogo preparatorio di riscaldamento, allungamento e potenziamento muscolare con elementi di pre-acrobatica per arrivare all’elemento Aria tramite l’insegnamento delle figure e delle chiavi di movimento del tessuto aereo e del trapezio. Finalizzato alla creazione di coreografie di danza aerea.

TEMATICHE DI STUDIO

  • Lavoro a terra di riscaldamento e potenziamento muscolare.
  • Elementi di pre-acrobatica, danza e yoga.
  • Figure di base del tessuto e del trapezio: salite, nodi e chiavi di movimento.
  • Improvvisazioni coreografiche sollecitate da stimoli musicali.

Loretta Morrone si e’ diplomata come Attrice di Prosa ed Artista di circo contemporaneo alla Scuola di Teatro di Bologna A. Galante Garrone.
Si specializza in Acrobazie Aeree con Akemi Yamauchi del Cirque Baroque, Nicole Kehrberger, con Samuel Jornot, coreografo del Cirque du Soleil, alla Scuola di Circo Picolino di Salvador (Brasile) e a Madrid con Roberto Gasca, artista del Cirque du Soleil. Ha studiato clown, maschere e teatro fisico con Pierre Bylan, Alessandra Galante Garrone, Claudia Contin, Yves Lebreton, Hanna Danan Alexandre, danza contemporanea con Michail Zubkov, danza kathakali con Malik Rumeau e danza sensibile con Claude Coldy. Già insegnante e codirettrice del “Corpo Comico Creativo” 2011.

ACROBATICA
Prendere coscienza del proprio corpo attraverso una migliore condizione atletica ed una maggiore padronanza di sè, trovando lo strumento dell’auto affermazione.
L’energia, la concentrazione, l’immaginario, l’improvvisazione, la fiducia nell’altro, l’importanza dello sguardo, l’ascolto, l’imitazione, meccaniche e prese a due o più persone, cadute, schiaffi e quant’ altro ancora vanno a costruire e rinforzare quella valigia che ogni attore/ice, ballerino potrà utilizzare nel grande viaggio della personale ed infinita ricerca artistica.
Una pedagogia alternativa a quella classica accademica, frutto di un connubio tra ginnastica artistica ed esperienza teatrale e circense, elaborata in tanti anni di attività professionale hanno portato Urana a rielaborare un metodo tutto personale che parte dal gioco creativo per arrivare alla tecnica acrobatica. Questo percorso invita ad una via teatrale in cui l’allievo può  trovare la propria   libertà d’espressione.

TEMATICHE DI STUDIO

  • messa in movimento dell’energia vitale
  • lavoro sull’importanza dello sguardo come punto d’appoggio
  • riscaldamento fisico
  • acrobatica di base: capriole, ruote, rondate, ribaltate,verticalismi, flic-flac..
  • esercizi attoriali indirizzati ad uno sviluppo attitudinale teatrale
  • acrobazie a due: leve e disequilibri
  • cadute e schiaffi, tipiche della commedia dell’arte
  • rilassamento

Urana Marchesini, all’età di cinque anni inizia la sua formazione come ginnasta, permettendole in seguito di partecipare a gare di livello internazionale.
All’età di tredici anni comincia a frequentare laboratori di espressione corporea, ampliando nel tempo il suo bagaglio tecninco come trampoliere, mimo e clown.
Dopo un’audizione al Circo Togni, viaggerà con la troupe, esibendosi in area nazionale.
Viene poi scritturata nella Compagnia Teatrale “Fratelli di taglia”, compiendo tournee
internazionali.
Continuerà la sua oramai avviata carriera artistica come solista in uno spettacolo, dal titolo “Non
solo Fumo” di acrobazia, clown, e giochi col fuoco, esibendosi in tutta la penisola e oltralpe, a tutti
i principali festival.
Diversi stages di clown con l’attore Jean Mening la portano a proseguire, parallelamente alla sua
carriera, una formazione dell’attore in Francia, a Montpellier con Philippe Hottier attore del
Theatre du Soleil e Sophie Pavillard-Hottier.
Innumerevoli le sue partecipazioni artistiche nei parchi divertimento, nelle televisioni, nell’ambito
lirico, compagnie di strada e di teatro, circhi.
Diverse le sue creazioni teatrali, quali in ultimo lo spettacolo in teatro di strada “Lavori in
Corsa”con la regia di Pier Paolo Paganelli.
In quanto formatrice tiene in maniera costante laboratori di acrobatica, acrobazia teatrale rivolti
alla commedia dell’arte e al teatro, laboratori di clown.

Calendario*:

lunedì 3: ore 11.00-15.30 arrivo e sistemazione, ore 15.30 presentazione del percorso con gli insegnanti, ore 16.30-19.30 prima sessione di lavoro, ore 20.00 cena.

martedì 4: ore 9.30-11.00 acrobatica, ore 11.00-12.30 tessuto aereo e trapezio, ore 12.30-14.00 pausa pranzo, ore 14.00-16.30 giocoleria e teatro di strada, ore 16.30-20.00 clown.

mercoledì 5: ore 9.30-11.00 acrobatica, ore 11.00-12.30 tessuto aereo e trapezio, ore 12.30-14.00 pausa pranzo, ore 14.00-16.30 giocoleria e teatro di strada, ore 16.30-20.00 clown.

giovedì 6: ore 9.30-11.00 acrobatica, ore 11.00-12.30 tessuto aereo e trapezio, ore 12.30-14.00 pausa pranzo, ore 14.00-16.30 giocoleria e teatro di strada, ore 16.30-20.00 clown.

venerdì 7: ore 9.30-11.00 acrobatica, ore 11.00-12.30 tessuto aereo e trapezio, ore 12.30-14.00 pausa pranzo, ore 14.00-16.30 giocoleria e teatro di strada, ore 16.30-20.00 clown.

sabato 8: mattina pausa, ore 14.00-16.30 giocoleria e teatro di strada, ore 16.30-20.00 clown.

domenica 9: ore 9.30-11.00 acrobatica, ore 11.00-12.30 tessuto aereo e trapezio, ore 12.30-14.00 pausa pranzo, ore 14.00-16.30 giocoleria e teatro di strada, ore 16.30-20.00 clown.

lunedì 10: ore 9.30-11.00 acrobatica, ore 11.00-12.30 tessuto aereo e trapezio, ore 12.30-14.00 pausa pranzo, ore 14.00-16.30 giocoleria e teatro di strada, ore 16.30-20.00 clown.

martedì 11: ore 9.30-11.00 acrobatica, ore 11.00-12.30 tessuto aereo e trapezio, ore 12.30-14.00 pausa pranzo, ore 14.00-16.30 giocoleria e teatro di strada, ore 16.30-20.00 clown.

mercoledì 12: ore 9.30-13.00 creazione, ore 13.00-14.30 pausa pranzo, ore 14.30-19.00 creazione, ore 19.00-21.00 pausa e sistemazione dello spazio per la soirée, ore 21.00 presentazione finale delle creazioni.

* Lo Spazio Nu e gli insegnanti si riservano la facoltà di apportare piccole modifiche all’orario, al fine di migliorare la permanenza e/o la fruizione del lavoro da parte degli allievi.