Teatro Forum: Laboratorio teatrale con le tecniche del Teatro dell’Oppresso [16-17-18 Marzo 2018]

IL TEATRO FORUM: LABORATORIO TEATRALE CON LE TECNICHE DEL TEATRO DELL’OPPRESSO

Conducono Barbara Mamone e Vincent Vidal

16-17-18 Marzo 2018

Grazie alle tecniche del Teatro dell’Oppresso, dal teatro immagine all’arcobaleno del desiderio, è possibile elaborare situazioni di conflitto e oppressione nel/del contesto sociale in cui viviamo facendole emergere nel corso del laboratorio, esprimendole nello Spettacolo Forum finale in cui le scene rappresentate si aprono al confronto con il pubblico. Il titolo vuol essere spunto di riflessione sul mondo di oggi, le sue contraddizioni, le sue conflittualità.

“La coscienza contemporanea coglie nel concetto di follia non soltanto il particolare stato psicofisico di determinati individui, ma più in generale l’espressione di una condizione di ‘diversità’, rispetto a modelli di ‘normalità’ socialmente stabiliti, che è imputabile non tanto a un disturbo interno a un soggetto sofferente, quanto da un’interazione squilibrata tra il soggetto stesso e il suo ambiente.  “Sergio Moravia”

Il laboratorio: “La professione teatrale, che è di qualcuno, non deve nascondere l’esistenza e la permanenza della vocazione teatrale, che appartiene a tutti. Il Teatro è una vocazione per tutti gli esseri umani… Il Teatro dell’Oppresso è un sistema di esercizi fisici di giochi estetici, di tecniche di immagini, d’improvvisazioni il cui scopo è di salvaguardare, sviluppare e ridimensionare questa vocazione umana facendo dell’attività teatrale uno strumento utile per la comprensione e la ricerca di soluzioni a dei problemi sociali e personali.” Augusto Boal

16 marzo  15.00 – 20.00                               laboratorio

17 marzo 9.00 -13.00 e 14.00 – 18.00    laboratorio

17 marzo 20.00                                               Spettacolo Forum

18 marzo 10.00 – 13.00                                chiusura laboratorio

Tutti possono partecipare al laboratorio. Non è necessario essere attori o voler diventare attori. Non occorre essere artisti. Non occorre essere o sentirsi oppressi. Siete tutti invitati.

Barbara Mamone

Psicologa, psicoterapeuta e teatrante, si è formata presso il Théatre de l’Opprimé di Parigi, con cui ha collaborato in Italia nell’ambito della disabilità e dell’intercultura (Verona, Milano, Trento, Torino, Genova) e per il progetto Teatro e Carcere Europeo. Dal 2002 coordina e gestisce progetti di Teatro dell’Oppresso per cooperative, ONG, associazioni e istituzioni sul territorio italiano e francese, rivolti a donne, adolescenti, migranti, richiedenti asilo. Dal 2007 si occupa di formazione in contesto scolastico, socio-sanitario e universitario, utilizzando il teatro quale strumento elettivo. Vive e lavora nella provincia di Pisa e a Viareggio.

Vincent Vidal

Attore, regista e mediatore-formatore, allievo di Augusto Boal, ha partecipato alla realizzazione di molti degli spettacoli della compagnia del Théàtre de l’Opprimé di Parigi, sia in Francia sia all’estero. Opera in molti ambiti del settore socio-sanitario, scolastico e della formazione, in collaborazione con l’istituzione pubblica e privata, le associazioni e le ONG. Tra i progetti che ha curato, un intervento di prevenzione capillare sul territorio francese contro la diffusione del virus dell’HIV, contro la violenza sulle donne e di promozione dei diritti dei senza fissa dimora e dei rifugiati. Vive e lavora a Parigi.

Per informazioni e iscrizioni:

Segreteria Corsi e Workshop

Elena Bennati         spazionu@gmail.com           tel. 0587 -54634

Post a Comment